Sacmi Avis, titoli regionali per Mazzanti e Ricciardi

124

Non poteva sognare inizio di stagione migliore l’Atletica Sacmi Avis, impegnata con oltre 30 atleti in cinque diverse sedi italiane l’11 e il 12 gennaio. Tra tutte, spiccano le prestazioni degli imolesi Andrea Mazzanti e Luis Matteo Ricciardi (nella foto).

Mazzanti, a Padova, si è laureato campione regionale nell’eptathlon (ottavo posto assoluto) bissando il successo dello scorso anno. Per l’imolese anche il nuovo primato personale, grazie ai 4.187 punti ottenuti nei 60 metri (quarto posto, 7’’32), nei 60 ostatoli (sesto posto, 9’’00), nei 1.000 metri (sesto posto, 3’02’’49), nel salto in lungo (sesto posto, 6.64), nel salto in alto (13esimo posto, 1.65), nel salto con l’asta (12esimo posto, 3.10) e nel peso (14esimo posto, 8.82).
Ricciardi invece è stato autentico dominatore nel campionato italiano di mezzofondo indoor di Parma, con i trionfi nei 1.500 e nei 3.000.

Gli altri risultati
Durante la stessa manifestazione, nel chilometro di marcia ragazzi/e, secondo gradino del podio per Chris Garsone (6’20’’65) e Sara Ragazzini (5’55’’98), mentre Alessandro Merlini (6’23’’09) e Francesca Drazzi (6’22’’41) sono finiti terzi. Bronzo, nei 2 km di marcia cadette, per Asja Cilini (11’23’’43).

Il meeting di Ancona
Secondo posto negli 800 per Ismail Grirane (1’56’’71). Medaglia d’argento anche per l’allievo Alexander Geminiani nel peso che, con la misura di 13,26, si è migliorato di un metro ed ha conquistato il minimo per i prossimi campionati italiani di categoria. Denis Libofsha ha chiuso 3° nei 60 metri (6’’95).

Brini terzo a Modena
Molti i personali fatti segnare dagli atleti Avis: terzo Michele Brini nell’asta (4,40), buon 7’’16 per Luca Zinoni nei 60 metri e quarto posto sia per Martino Filippone nei 60 hs Juniores (8’’44) che per Simone Ronzoni nei 60 hs (9’’21).

Bene anche Costanzi
Al campionato italiano invernale di Teramo lanci successo per il discobolo Alessio Costanzi che, nonostante un periodo importante di carichi in allenamento, ha raggiunto la misura di 48,38 e, di conseguenza, il minimo per la finale nazionale.