Micromobilità elettrica pronta a fare il suo debutto anche a Imola

455
Monopattini elettrici. Foto d'archivio

La micromobilità elettrica è pronta a prendere piede anche a Imola.
Se già ad agosto il Comune aveva annunciato di voler avviare la sperimentazione, l’ultimo tassello mancante è stato messo a punto: il regolamento, che doveva essere messo a punto da Area Blu.

Ora, fanno sapere da piazza Matteotti, il progetto di micromobilità elettrica è pronto per essere attivato. È infatti stato ultimato dalla società in-house ed il regolamento completo sarà pubblicato a breve sul sito del Comune, dopo l’approvazione da parte della giunta comunale lo scorso 31 ottobre.
Il progetto messo a punto da Area Blu fa ricadere all’interno delle proprie fattispecie i monowheel, gli hoverboard, i segway e i monopattini elettrici; i primi due tuttavia potranno essere usati esclusivamente nelle aree pedonali e non sulle ciclabili.
La velocità dei dispositivi è limitata a 20 km/h (ridotto a 6 km/h per l’uso in aree pedonali), quindi i veicoli in grado di sviluppare velocità superiori devono essere dotati di limitatori di velocità.
Segway e monopattini elettrici possono essere ammessi anche sui percorsi pedonali e ciclabili, sulle piste ciclabili in sede propria e su corsia riservata e sulle zone e strade che hanno limite di velocità fissato a 30 km/h.
Uno dei requisiti fondamentali per poter utilizzare i dispositivi è il conseguimento della patente di categoria Am.

Il Comune ha dato inoltre mandato alla società in-house di installare l’apposita segnaletica, come previsto da decreto ministeriale.
Pertanto, sarà possibile utilizzare i suddetti dispositivi di micromobilità elettrica non appena sarà installata l’apposita segnaletica.

«Siamo molto soddisfatti di farci promotori della micromobilità elettrica – ha dichiarato Andrea Longhi, assessore all’ambiente –. La promozione della micromobilità è un segnale che, se recepito da tutte le città della nostra regione, può contribuire a segnare un cambiamento».