#EmozioniUrbane a Dozza, al via la XXVII Biennale del Muro Dipinto

809
La scultura di Roberta Luppi, svelata durante la cerimonia di presentazione. Isolapress

A Dozza è tempo di #EmozioniUrbane. Si è aperta nella mattinata di oggi, lunedì 9 settembre, con l’ingresso degli artisti alla Rocca la XXVII Biennale del Muro Dipinto di Dozza, evento unico nel suo genere capace di ascrivere il borgo romagnolo nell’elenco dei più suggestivi d’Italia.

Uno scorcio del borgo dipinto

Arte, cultura, laboratori e un omaggio al passato si intrecceranno lungo le vie del borgo dozzese, con una novità: la fotografia farà la sua entrata in scena tra le attrazioni della manifestazione, con la possibilità di ammirare nella giornata di domenica 15 nel piazzale della rocca la mostra Il muro a scatti, progetto dell’associazione fotoculturale G. Magnani.
Tanti gli appuntamenti a rendere ancora più suggestiva la kermesse: dall’omaggio al passato della Biennale con il riallestimento del Centro Studi Documentazione del Muro Dipinto intitolato a Tomaso Seragnoli, storico ideatore della manifestazione, al ritorno nel borgo dipinto del mago Casanova (qui il programma completo degli appuntamenti).
Gli artisti protagonisti dell’edizione 2019, che saranno impegnati per tutta la settimana a realizzare le proprie opere en plein air sotto lo sguardo dei cittadini e dei turisti, sono stati accolti alla rocca per poi recarsi presso gli spazi a loro destinati.

Isolapress

Cinque di loro si dedicheranno al borgo di Dozza: Giovanni Fabbri sarà impegnato in via XX settembre, a poca distanza da Luigi Allegri Nottari, all’opera nel vicino vicolo Campeggi. Flavio Favelli sarà al lavoro in via Calanco, mentre Alberto Goglio si dedicherà ad un muro in via De Amicis. Il cortile di ingresso alla Rocca inaugura già oggi l’opera di Roberta Luppi, una scultura imponente funzionale anche ad essere utilizzata come panchina dai visitatori. A Toscanella, sul muro della Cassa di Risparmio di Imola, si potrà invece ammirare la creazione di Ferrante Giovannini.

«Ci piace pensare che, edizione dopo edizione, cresca una relazione sempre più forte tra artisti, residenti e turisti – ha commentato il primo cittadino di Dozza, Luca Albertazzi -. Credo che questa XXVII Biennale, la terza sotto l’egida della nostra amministrazione, manterrà la tradizione. Come cittadino, invece, sono felice di vedere un programma ricco di eventi collaterali e importanti momenti di approfondimento che proiettano lo sguardo tanto sulla storia del Muro quanto verso il presente e il futuro».

Tuttavia non solo gli artisti selezionati dalla commissione inviti saranno i protagonisti: tutti i visitatori della Rocca durante la settimana della Biennale riceveranno un kit per abbozzare, disegnare e dipingere tutte le #EmozioniUrbane che arriveranno dal borgo. I bozzetti e le opere potranno poi essere condivise sulle pagine ufficiali del Muro Dipinto, dall’account Instagram @roccadidozza alla pagina ufficiale Facebook @murodipintodozza.