Finge di “sparare” agli agenti, denunciato 26enne per minaccia aggravata

254
Sul posto gli agenti della polizia locale della Bassa Romagna

Senza cintura di sicurezza, a petto nudo scorge la macchina della polizia locale. Subito arresta la marcia al posto di blocco e grida “bang bang” alla polizia locale simulando con la mano dei colpi di pistola ai due agenti. Scena da telefilm americano durante un controllo stradale della polizia locale nella città di Faenza. L’automobilista, un cittadino rumeno classe 1993 residente a Solarolo, è poi ripartito a gran velocità, credendo di aver semplicemente compiuto una bravata.
Gli agenti della città manfreda però si sono subito messi all’inseguimento del solarolese e, dopo aver raggiunto il veicolo, hanno identificato l’uomo (P.F. le iniziali) e hanno proceduto a denunciarlo per minacce aggravate, oltre a contestargli il mancato uso della cintura di sicurezza. La misura severa, che stigmatizza tali comportamenti, fa seguito alla sentenza n. 25165/2015 della Corte di Cassazione che sancisce parte integrante del “reato di minaccia anche il gesto della mano con il quale si mima una finta pistola rivolta contro pubblici ufficiali”.