“Mon clochard”, tutto esaurito per la prima imolese

425
Un'immagine dal set del film con il regista Gian Marco Pezzoli e l'attore Roberto Citran

Barbone. Senza tetto o fissa dimora. Clochard. Mendicante. Persona.
Ha ottenuto un ottimo successo di pubblico la prima imolese del film “Mon Clochard“, proiettato ieri sera (giovedì 23 maggio) nella sala Bcc e girato in un condominio di via De Amicis a Imola. Il cortometraggio, che è stato proiettato in molte città del mondo tra cui Praga e Budapest, narra di un uomo senza fissa dimora che viene “adottato” dagli abitanti di un condominio, la cui vita viene stravolta dalla sua presenza.
Attore protagonista Roberto Citran, che per l’interpretazione ha ricevuto il primo premio al Festival internazionale di Cortometraggi Fiaticorti.
La serata è stata l’occasione per ascoltare chi direttamente si occupa di queste “persone fragili” ovvero Caritas diocesana di Imola e testimonianze delle realtà bolognesi (Piazza Grande), milanesi e della Capitale. Alla proiezione, seguita da un lungo applauso della sala gremita, hanno partecipato gli ideatori e realizzatori Marta Bedeschi e Gian Marco Pezzoli di Noi Giovani, i produttori di Articulture, alcuni attori e gli abitanti del condominio set del cortometraggio.
La serata, a ingresso libero, è servita anche per raccogliere offerte destinate alla Croce Rossa di Imola.