VirtuSpettacolo a Bologna, gli imolesi si aggiudicano Gara 1 delle semifinali

196
Foto: La gioia di coach Tassinari. IsolaPress

In casa Bologna aveva perso solo due volte in stagione. Parliamo al passato, perchè oggi, domenica 12 maggio, la Vitus ha aggiornato la statistica. Una partita al cardiopalma, un ping pong completo. E alla fine a spuntarla sono i gialloneri, trascinati da Zhytaryuk e Aglio. Gara 1 delle semifinali play-off parla romagnolo. E manca solo un passo per continuare a sognare…

La partita. Primo quarto all’insegna dell’equilibrio, con padroni di casa e gialloneri che si rispondono colpo su colpo. Solo Dalpozzo interrompe l’andamento altalenante, infilando un tiro da tre a pochi secondi dalla sirena. Sirena che suona con Imola avanti di due, 19-21.
Nel secondo quarto la partita cambia. La Virtus arriva addirittura al +8, ma Bologna si risveglia dal torpore passando in pochi minuti dal 31-37 per gli ospiti al 40-39 del sorpasso, per poi andare negli spogliatoi 46-43 grazie ai tiri da tre dell’ex Fin e di Losi.
Al rientro è ancora Bologna a comandare: i padroni di casa si portano avanti di nove (57-48), Nucci e Aglio prendono per mano i loro e portano i gialloneri a chiudere il parziale sul 64-60.
Missione recupero compiuta quando mancano sei minuti alla fine, con Zhytaryuk che riprende i padroni di casa sul 66-66.
Finale di partita rovente. Bologna avanti di uno a 40 secondi dalla sirena, arriva lui, il biondo, Zhytaryuk. Si prende due liberi pesanti come macigni, fuori casa, a 30 secondi dalla fine. Palmi delle mani sudati. Gambe stanche dopo una partita da adrenalina a mille, partita che vale una stagione. Il biondo li mette. Prima uno, poi l’altro. Virtus avanti di uno. Losi sbaglia il tiro da due. Dal Fiume, in piena, si prende un fallo. Dentro uno dalla lunetta, e poi due punti sul rimbalzo del secondo. 69-73. Al Bologna non basta la tripla allo scadere di Cortesi.
La sirena suona sul 72-73. Impresa Virtus nella prima partita della semifinale play-off. Gara 2 mercoledì 15 tra le mura amiche del Ruggi. Una bolgia giallonera.