Cane scivola nel fossato e rischia di annegare. Salvato dai Carabinieri

162

È fuggito dalla propria abitazione dopo lo spuntino pomeridiano e mentre girovagava per le campagne di Mordano è scivolato in un fossato colmo d’acqua gelida che per poco non si è trasformato in una trappola mortale. È quanto è accaduto a Tommy, un cane meticcio di 13 anni salvato in extremis grazie alla segnalazione di un passante e al tempestivo intervento dei Carabinieri di Imola, che l’hanno “ripescato” prima che annegasse.
È successo ieri sera, quando la centrale operativa del 112 è stata informata che un cane stava annegando all’interno di un terreno situato nei pressi di via Giuseppe Cavallazzi a Mordano. Ricevuta la segnalazione, una pattuglia dei Carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile di Imola si è precipitata sul posto ed è subito accorsa in aiuto dell’animale. Alla vista dei militari, il cane, completamente bagnato e stremato, ha utilizzato le ultime forze per lanciarsi sulle braccia dei Carabinieri che si erano chinati per raggiungerlo. Dopo avergli prestato le prime cure, i militari hanno scoperto che l’animale si era allontanato dall’abitazione del suo padrone, residente in zona, dopo lo spuntino pomeridiano ed era accidentalmente scivolato nel fossato rimanendovi per diverse ore, a causa delle sponde scivolose che gli impedivano di risalire. Con il sopraggiungere della sera poi la situazione si era ulteriormente aggravata per la temperatura prossima allo 0°. Se nessuno si fosse accorto lui, di lì a poco sarebbe sicuramente annegato a seguito di uno svenimento per ipotermia.
Ma fortunatamente così non è stato e Tommy, dopo aver ricevuto le cure di un veterinario di turno, è stato riaccompagnato a casa.