Disservizio postale

68

Gentile direttore,
mi è occorsa proprio ieri una singolare vicenda. Un piego di libri, speditomi da Roma con Paccocelere 3 di Poste Italiane, a me indirizzato presso la sede di lavoro nel Palazzo vescovile, è stato trovato semiaperto da un solerte concittadino nel vicolo Inferno. Questo signore ha pensato bene (e per ciò gli sono debitore) di consegnarlo all’amico Luca della Libreria Mondadori, che me l’ha poi fatto cortesemente avere. Da ciò si desume che, se non fosse stato per un fortuito caso, favorito dalla premura di due privati cittadini, non sarei mai entrato in possesso dei miei libri.
Sul sito di Poste Italiane, nella descrizione del servizio di spedizione Paccocelere 3 lo slogan recita: “La soluzione ideale per spedire pacchi in tutta Italia in 4 giorni”. Verissimo: per spedirli. Per riceverli a domicilio magari un po’ meno.
Cordialmente.