È Castel San Pietro il comune più ricco del Circondario

180
Municipio di Castel San Pietro Terme

È online il Rapporto dell’Ufficio statistica di Palazzo Malvezzi sui redditi nei comuni della città metropolitana di Bologna, a partire dai dati diffusi dal Ministero dell’Economia e delle finanze nei mesi scorsi. Le dichiarazioni prese in esame dallo studio sono quelle presentate nel 2017 e si riferiscono dunque all’anno di imposta 2016.

Castel San Pietro il comune più ricco nell’area imolese
Nella Città Metropolitana di Bologna si registra reddito complessivo medio per contribuente di 25.083 euro, più alto del 10,3% rispetto a quello regionale (22.736 euro) e del 21,5% rispetto alla media nazionale (di 20.640 euro).
Leggermente inferiori i redditi del nostro territorio: all’interno del Nuovo Circondario Imolese il reddito medio più alto (23.867 euro) si registra nel Comune di Castel San Pietro, Imola è seconda con 23.115. Il comune più “povero” nel 2016 risulta essere Borgo Tossignano con 19.730 euro di reddito medio; nel 2015 era Fontanelice, per il quale però quest’anno non vi sono dati disponibili.

Fasce di reddito
Nel 2016 il reddito complessivo della città metropolitana risulta articolato nel modo seguente:
– Il 32,4% dei contribuenti ha dichiarato meno di 15.000, percentuale in leggera contrazione rispetto al 2015 e notevolmente inferiore al 45% registrato a livello nazionale.
– Il 34,2% dei contribuenti ha dichiarato tra 15.000 e 26.000 euro.
– Il 26,8% ha dichiarato tra 26.000 e 55.000.
– Le classi di reddito superiori ai 55.000 euro sono molto meno numerose (circa 49.000 contribuenti), ma ad esse sono associati importi reddituali considerevoli: il 6,5% dei contribuenti più ricchi dichiara infatti il 26% dei redditi totali.

Più dipendenti, meno pensioni
La maggior parte del reddito deriva da lavoro dipendente (50,8% in media, a Mordano supera il 58%), cresciuto dell’1,9% rispetto al 2015. Un’altra grossa fetta la occupano i redditi da pensione (quasi il 30%), che però continuano a calare (-1,4%) per l’allungamento dell’età pensionabile. Il reddito da lavoro autonomo e quello di spettanza degli imprenditori pesano complessivamente per un altro 8% circa.
Sul fronte delle imposte il carico fiscale medio per contribuente (includendo anche coloro che presentano un’imposta netta negativa o nulla) è di 5.471 euro, di poco superiore ai 5.422 euro calcolati nel 2015.

Il report completo è consultabile alla pagina: https://www.cittametropolitana.bo.it/portale/Engine/RAServePG.php/P/2659910010110