Curti, rinnovato il contratto integrativo

366

Incentivi all’utilizzo del congedo parentale e del “car pooling”(ovvero l’utilizzo di una sola auto per un gruppo di almeno quattro persone che compiono abitualmente lo stesso tragitto casa-lavoro), un gruppo di lavoro dedicato all’efficienza, dove anche i rappresentanti dei lavoratori avranno voce in capitolo, un nutrizionista aziendale a disposizione dei dipendenti, sensibilizzazione contro il problema delle molestie e della violenza nei luoghi di lavoro. Sono queste le principali novità contenute nel nuovo contratto integrativo aziendale della Curti Costruzioni Meccaniche Spa di Castel Bolognese siglato fra proprietà, Rsu e organizzazioni sindacali, con l’assistenza di Confindustria Romagna.
«L’accordo – fanno sapere proprietà, direzione, organizzazioni sindacali e rappresentanze dei lavoratori – è stato siglato dopo una trattativa breve e va a integrare, migliorandolo, l’impianto preesistente promuovendo crescita, sostenibilità ambientale e diritti dei lavoratori». Il contratto, con decorrenza dall’1 gennaio 2018 e valido fino al 31 dicembre 2020, riguarda circa 240 lavoratori fra addetti fissi e con contratto di somministrazione.