Distillerie Mazzari, open day per i 60 anni

271

Aprono le porte al pubblico, sabato 16 giugno, le Distillerie Mazzari di Sant’Agata sul Santerno, la cui storia inizia nel 1958, 60 anni fa. L’open day, gratuito e aperto a tutti (e con il patrocinio del Comune), sarà l’occasione per avvicinarsi alla storia ma anche al presente dell’azienda. Tutto inizia, appunto, 60 anni fa. Primo Mazzari, originario di Russi, lavorava come trasportatore per conto di diverse aziende e magazzini locali. Le limitate capacità di magazzinaggio in frigorifero, e l’abbondante produzione di frutta, facevano sì che la merce eccedente venisse gettata. Consapevole di questo spreco, Primo Mazzari ebbe l’idea di raccogliere la merce in esubero e trasportarla in un capannone di sua proprietà con l’intento di produrre sidro, che fermentato diventa materia prima alcoligena, che poi veniva venduta alle distillerie della zona. In quegli anni i terreni della Bassa Romagna erano ricchi di frutteti e Primo Mazzari e il padre decisero di allargare la loro attività con la costruzione di una nuova sidreria, traslocando la lavorazione da Russi a Sant’Agata sul Santerno. A impianto ultimato, Primo Mazzari intensificò l’attività di raccolta frutta e produzione di sidro, raggiungendo in breve tempo elevati livelli produttivi. Nel 1960, costruì anche un piccolo impianto di distillazione, che rapportato alla materia prima disponibile si rivelò presto insufficiente. Decise quindi di costruire un ulteriore impianto di distillazione, con la possibilità di lavorare oltre alla frutta anche il vino e i sottoprodotti viti-vinicoli e allargare la gamma di produzione. L’impianto di distillazione fu ulteriormente potenziato e Primo Mazzari divenne un forte concorrente delle distillerie esistenti. L’azienda è cresciuta e nel 1995 si è associata alla Lavorazione sociale vinacce di Modena, consorzio di secondo grado di Cantine sociali cooperative che annovera, tra i suoi soci, i più importanti produttori di vino del Nord Italia. Nel 2000 si decise di realizzare un impianto ex-novo per la produzione di acido tartarico naturale. Questa scelta si è dimostrata essere strategicamente vincente, in quanto la domanda di acido tartarico naturale è cresciuta negli anni, portando oggi la Distillerie Mazzari a esserne leader mondiale tra i produttori. Negli ultimi anni, gli investimenti dell’azienda si sono concentrati sulla produzione di energia rinnovabile, sulla continua ottimizzazione dei processi produttivi e sul miglioramento delle condizioni ambientali esterne ed interne all’azienda.
L’open day di sabato 16 giugno inizierà alle 10, con la registrazione dei partecipanti nello stabilimento di via Giardino. Proseguirà, dalle 11 alle 12.30, con una visita guidata allo stabilimento produttivo e si concluderà con un buffet per tutti offerto dall’azienda.