Con la Croce Rossa persone in prima persona

Il Comitato di Imola compie 130 anni e ha in serbo tante iniziative per mostrare alla città i servizi svolti grazie agli oltre 300 volontari. Dai 300mila chilometri percorsi ogni anno dalle ambulanze all’attività all’autodromo, dalla formazione al soccorso nei luoghi di crisi

166

Il 30 ottobre del 1888, nella sala del consiglio comunale, veniva fondato il sottocomitato di Imola della Croce Rossa Italiana (oggi comitato) – racconta la presidente della Cri di Imola, Fabrizia Fiumi -. Quest’anno ricorrono i 130 anni di vita del nostro comitato e desideriamo celebrare il nostro impegno a favore della città. In tutti questi anni il comitato di Imola ha operato tenendo sempre saldi i nostri sette principi: umanità, neutralità, imparzialità, indipendenza, volontariato, unità e universalità. Oggi, forti di oltre 300 soci volontari, cerchiamo di rispondere ogni giorno ai bisogni vecchi e nuovi dei cittadini e del territorio portando sulle nostre ambulanze, nei nostri punti d’ascolto, nei reparti ospedalieri, nelle emergenze ambientali, nelle scuole le nostre competenze e la nostra passione. Abbiamo effettuato nel 2017 servizi in ambulanza per quasi 297mila km (in convenzione, o per Ausl e Montecatone), servizi di taxi sanitario per 86.800 km, 121 giornate di attività di pista e 44 per gli open day per i servizi in autodromo. Abbiamo formato 9 classi di scuola media (primo soccorso), 135 cittadini (manovre di primo soccorso) e numerosi cittadini tra i quali molti appartenenti a società sportive (Progetto Pratica dello sport in sicurezza). La Cri non è solo servizio sanitario di emergenza, le nostre attività sono molteplici.
Per farci sempre più conoscere – prosegue Fiumi – abbiamo deciso di organizzare una serie di eventi a partire da martedì 8 maggio, giornata internazionale della Croce rossa italiana e della Mezza Luna rossa, fino a martedì 30 ottobre. Un progetto ambizioso, un nutrito programma di eventi, incontri, animazione, momenti di formazione rivolti a tutti i cittadini. Il programma, in parte ancora in fieri, si arricchirà via via di altri appuntamenti».

Mesi ricchi di iniziative
Come la presidente ha ricordato, la Cri di Imola farà in modo di essere sotto gli occhi delle persone che abitano i nostri territori. Si inizia l’8 maggio con un gazebo in centro e la consegna della nuova ambulanza. Il 19 maggio e un successivo sabato i clown della Cri saranno presenti nelle scuole, il 28 maggio ci sarà l’apertura straordinaria del mercatino di solidarietà della Cri in via Serraglio. Il 3 giugno alcuni volontari saranno presenti con le loro postazioni all’iniziativa Sport al centro, stessa cosa dal 15 al 17 giugno per la Fiera agricola del Santerno, poi per i Mercoledì dell’Ascom (quattro serate degli ultimi due mercoledì di giugno e dei primi due di luglio) mentre il 28 giugno si farà “musica solidale” con varie performance di gruppi musicali. Il 12 giugno si svolgerà una grande serata di solidarietà al Molino Rosso (cena a bordo piscina) alla quale sono invitati i soci, gli amici, i volontari e tutti quanti vorranno partecipare a questo momento di condivisione dell’importante anniversario.
Un concerto speciale della Cri si terrà a luglio, mentre in agosto si svolgeranno varie attività a Castel del Rio (in occasione della Festa della musica e della Sagra del porcino); inoltre la Cri sarà presente nei Comuni del territorio in occasione di feste e sagre estive.
Dal 7 al 9 settembre i volontari parteciperanno all’iniziativa del Crame e, sempre a settembre, sarà allestito in città un campo a cura del gruppo dei Militari della Cri. Si terranno poi un paio di conferenze e il 29 settembre si ripeterà l’apertura straordinaria del mercatino di solidarietà. Ottobre metterà in campo un burraco di beneficenza e ci sarà un concerto del corpo delle infermiere volontarie
Il 30 ottobre, infine, per la giornata di anniversario della fondazione, sono previsti un annullo postale e la rievocazione della fondazione della Cri di Imola nella sala del consiglio comunale.