L’italiano si impara ad Harlem

308
Nella foto Benedetta Scardovi

Da 18 anni a New York, Benedetta Scardovi, l’apripista della rubrica Imolians, marito francese e tre bimbi, ha fatto il possibile per crescere i suoi figli trilingue: parlano francese con il papà, inglese a scuola e con gli amici, italiano con la mamma. Un po’ faticoso, ma ce l’hanno fatta. I loro bimbi conoscono tre lingue. Importante però sarebbe il supporto scolastico, si sono detti. E così Benedetta, assieme ad un’amica italiana, Stefania Puxeddu, si è battuta per ottenere l’introduzione di un programma bilingue inglese-italiano nelle scuole elementari pubbliche di New York, programma che a Manhattan non esisteva, mentre c’è un bilingue inglese-francese: «Lo frequentano i miei due figli più grandi, ma desideravo poter inserire la piccola in una scuola che prevedesse l’italiano», spiega Benedetta. E così è partito il passaparola e il contatto tramite i social per raggiungere le famiglie italiane presenti a New York e invogliarle a far sì che i loro figli possano mantenere il bilinguismo e mantengano viva la nostra cultura: «Abbiamo cercato soprattutto bimbi madrelingua italiani nati tra il 2013 e il 2015. Va notato che i bambini madrelingua italiani hanno diritto alla scolarizzazione nella loro lingua materna all’interno della scuola pubblica americana».
Ottenuto l’appoggio del Consolato, incontrato console, vice console e direttrice dell’Education office, che hanno assicurato loro il massimo appoggio, hanno atteso risposte: «La bella notizia è arrivata il 3 maggio – esulta Benedetta – quando il Chancellor del ministero dell’educazione di NY, Richard A. Carranza, ha annunciato ufficialmente che a settembre il Doe (Department of Education di NY) aprirà ben 48 nuovi programmi bilingue nelle scuole pubbliche di NY, fra cui anche il nostro in italiano in una scuola di Harlem, a nord del quartiere di Manhattan! La scuola si chiama P.S. 242 – The Young Diplomats Magnet School. La preside ha inoltre stabilito che anche i bambini iscritti al programma monolingue inglese avranno italiano come lingua straniera con una o più ore di lezione la settimana. Un’iniziativa molto positiva che potrà favorire una più facile integrazione a livello di tutta la scuola».
Benedetta e Stefania sperano che nel cuore di Harlem si riesca a creare una forte e coesa comunità italiana e che in altre zone metropolitane di NY nascano altre scuole bilingue che contemplino l’italiano.