Coldiretti stoppa il progetto di ciclabile Mordano-Castel del Rio

886

“Neanche se ci fosse una tornata elettorale in arrivo ci sarebbe stata una tale accelerazione del progetto per la pista ciclabile Mordano-Castel Del Rio”. Così Coldiretti Bologna commenta l’ipotesi della presentazione entro pochi giorni del progetto definitivo per la pista e della definizione di tutti i passaggi per la sua realizzazione, compresi gli eventuali espropri.
Coldiretti Bologna, sottolinea l’organizzazione, “si è fatta carico di consultare in appositi incontri i propri associati per verificare le loro esigenze e le loro proposte in merito alla realizzazione della ciclabile. La prima preoccupazione dei produttori agricoli è che non resti una pista slegata dal contesto ambientale che attraversa. È necessario infatti valutare attentamente l’impatto sul territorio, nonché definire chi, a realizzazione avvenuta, si preoccuperà di svolgere attività di manutenzione e di verifica puntuale della ricaduta della pista sulle attività economiche lungo il percorso”.
La pista dovrebbe costeggiare lunghi tratti di terreni dove si pratica una agricoltura ad alta produttività e “dove parlare di esproprio senza un adeguato confronto con i produttori ci sembra quanto meno precipitoso. A tutto questo si aggiunga – prosegue Coldiretti Bologna – che proprio per l’intensa attività agricola, vanno attentamente considerati tutti i rischi che una pista ciclabile comporta, a partire dal fatto che il percorso incrocerà numerosi passaggi di trattori e macchine operatrici nella loro attività in entrata e uscita dai campi. Crediamo che vadano attentamente valutati tutti i rischi e le responsabilità per gli agricoltori nell’incrociare cicloamatori, tra cui probabilmente anche minorenni, che circoleranno nelle immediate vicinanze di macchine agricole in movimento”.