Lugo, il Pd lancia Ranalli verso il bis

52

Si svolgerà sabato 20 maggio alle 9.30 nella Sala del Carmine a Lugo la conferenza di verifica del Pd sui tre anni di governo della città, un appuntamento a cui parteciperà il segretario comunale del partito Maurizio Montanari, la capogruppo in consiglio comunale Marta Garuffi e il sindaco Davide Ranalli. L’appuntamento sarà anche l’occasione per parlare del prossimo biennio, quello che porterà alle amministrative del 2019. E in vista del prossimo mandato il Pd cittadino ha già le idee chiare su chi puntare. <Le condizioni politiche andranno esaminate  ma si deve poter contare su un lavoro che è stato avviato. La persona che interpreta meglio la continuità è l’attuale sindaco Davide Ranalli> ha affermato Montanari durante la presentazione della verifica di sabato 20 alla stampa. L’interessato incassa gli attestati di stima e non si tira indietro. <Chi fa politica deve essere a disposizione e deve conoscere i propri limiti e quale contributo può dare. Se sarò ancora in grado di avere la forza e la spinta innovatrice, credo che oltre che giusto sia doveroso farlo. In questo senso disponibilità piena e totale> è il pensiero di Ranalli, nel precisare che il suo primo obiettivo è quello di far vincere il Pd in città, rimarcando con forza la sua fedeltà e lealtà al partito, al segretario nazionale Matteo Renzi (sebbene per il congresso abbia sostenuto Andrea Orlando). <Non ho mai avuto un dubbio sul fatto di uscire dal PD. Lo dico alla “vecchia maniera”, io sono un uomo di partito – chiarisce -. Da noi il PD è unito. Non ci sono state scissioni. E durante la campagna congressuale, alla sera quando rientravo dall’ufficio, prendevo su il telefono per convincere gli indecisi a restare> rivela Ranalli.