La Virtus zittisce Ozzano. Si va alla bella

355

Era morta, finita, scarsa. Quante volte l’hanno definita così. Ebbene, la Virtus ha zittito tutti. Una volta di più. Data per spacciata ancora prima che iniziassero i playoff, invece è ancora lì a giocarsi la semifinale della serie C. Se gara 1 dei quarti era stato un indizio, questa sera se ne è avuta la riprova: l’Imola giallonera c’è e può dire la sua. Il campo ha emesso un verdetto insindacabile: Virtus 64 – New Flying Balls 53. Si va a gara 3. Tutto si deciderà tra due giorni a Ozzano.
Davanti ad un PalaRuggi di nuovo da grandi occasioni – quando le partite contano il pubblico risponde presente – ci vuole qualche minuto primo che la partita si accenda davvero. Parte meglio Ozzano, in realtà, e prova a far la voce da padrone: 11-4. Ma Imola è troppo concentrata per lasciarsi sfuggire gli avversari. Anche nel secondo parziale Corcelli (ancora una volta super!) e compagni sono bravi a rimontare da una situazione difficile (ospiti avanti 26-17) e a restare incollati al match.
Nella ripresa, il capolavoro. Prima un parziale di 21-14 che significa il primo vantaggio della partita. È un momento significativo, perché da allora la Virtus resta sempre avanti. Magari di poco, soffrendo, lottando, ma pur sempre avanti. A quattro minuti dalla fine, il trio Corcelli-Dal Fiume-Fin confeziona il bon bon che chiude definitivamente la partita: nove punti in serie e Ozzano cade. Gli ultimi 90 secondi sono un dolce, dolcissimo count down. Sabato sera è in palio la semifinale. Tutti in piedi per questa Virtus!

Npc Virtus Spes Vis – New Flying Balls Ozzano  64-53
Imola: Dalpozzo 1, Dal Fiume 12, Zambrini 8, Sabattani, Creti ne, Fin 10, Corcelli 22, Vignali 1, Sangiorgi 2, Delvecchio 8. All.: Marchi.
Ozzano: Montanari ne, Masrè 4, Morara 1, Folli 6, Magagnol, Lalanne ne, Betti n.e., Guazzaloca 4, Martini, Cutolo 15, Gianasi 5, Agusto 18. All.: Grandi.
Arbitri: Giustarini e Frosolini.
Parziali: 12-16, 25-30, 46-44.