La Virtus è ai playoff. E senza neanche scendere in campo!

335

Qualificarsi ai playoff senza neppure scendere in campo. Succede anche questo nel “fantastico” mondo della serie C gold. Il regolamento imposto dal comitato regionale prevede infatti che l’ultima partita della stagione regolare, quando ancora tutto è da definire, si giochi in contemporanea su tutti i campi. A rigor di logica, così dovrebbe essere anche nella fase ad orologio. E invece no: le partite si disputano in giornate e orari diversi. Capita allora che la Virtus Imola, attesa nel pomeriggio di domenica a San Marino per giocarsi un posto nei playoff, scopra la sera prima che quella partita non ha più importanza, perché Montecchio, sabato sera, ha perso con Gaetano Scirea 80-71, garantendo così ai gialloneri la qualificazione matematica senza neanche dover scendere in campo. Assurdo! «A mio personalissimo parere – aveva detto Carlo Marchi alla vigilia – avrebbe avuto senso giocare tutte le partite della fase ad orologio in contemporanea, ma la Federazione ha deciso diversamente. Cercheremo comunque di affrontare al meglio la partita, indipendentemente dal risultato di Montecchio-Scirea. Poi ragioneremo su classifica e playoff». Era stato profeta…
A questo punto la partita contro San Marino ha meno stimoli di una partita a briscola con gli amici. Imola comunque ringrazia e andrà sul Titano per la più classica delle scampagnate domenicali. Che senso ha un regolamento così?