Il Tar boccia i rumori alle Acque

247

Il Tar dell’Emilia-Romagna ha accolto il ricorso presentato 25 cittadini contro la classificazione acustica approvata nel dicembre 2015 dal Comune di Imola e inserita nel Piano strutturale comunale (Psc). In particolare, il tribunale amministrativo va quindi a sconfessare la modifica che l’amministrazione comunale aveva introdotto per alzare il livello di rumori consentiti all’interno del Parco delle acque minerali e nelle zone a ridosso dell’autodromo, parificandole, secondo la normativa nazionale, ad “aree in prossimità di strade di grande comunicazione, di linee ferroviarie, di aeroporti”.