In casa una “centrale” di spaccio, arrestato un 60enne

685

I carabinieri di Faenza, al termine di indagini sul recente aumento del consumo di eroina (è di pochi giorni fa la notizia dell’arresto di un riolese alla stazione di Castel Bolognese), hanno individuato la base nella quale operava uno spacciatore, a capo di una fitta rete di traffici non solo di eroina ma anche di cocaina.
In un’abitazione nascosta tra una fitta vegetazione alle porte di Castel Bolognese si notava, a tutte le ore del giorno, un continuo andirivieni di autovetture. Ciò ha portato i militari dell’arma a tenere sotto controllo il luogo fino ad arrivare a individuare il 60enne B.G.M., più volte condannato per reati in materia di stupefacenti che da qualche mese, dopo un periodo di assenza, era tornato ad abitare lì e aveva rimesso in piedi un fiorente mercato di eroina brown sugar e cocaina.
Al momento del blitz effettuato dai carabinieri di Castel Bolognese insieme ai colleghi in borghese di Faenza, il 60enne è stato trovato in compagnia di un 43enne ravennate che aveva appena sniffato una dose di eroina cedutagli dal padrone di casa. In un borsello che B.G.M. aveva con sé i militari hanno trovato non solo droga ma anche denaro ricavato dalle vendite: 70 grammi di eroina insieme a 15 grammi di cocaina in parte già suddivisa in dosi, oltre a circa 300 euro in banconote di vario taglio. Oltre alla droga e al denaro il 60enne era in possesso di cinque bilancini di precisione e tre telefonini cellulari che continuavano a squillare anche in presenza dei carabinieri. Lo spacciatore aveva fissato a 30 euro al grammo il prezzo dell’eroina, invece chiedeva ben 100 euro al grammo per la cocaina, che vendeva anche a piccole dosi da 20 euro.
Il 60enne è perciò stato arrestato in flagranza con l’accusa di spaccio e detenzione illegale di stupefacenti e gli è stato inflitto l’obbligo di dimora nel comune di Castel Bolognese con il divieto di uscire dall’abitazione in ore notturne e, in seguito a patteggiamento, una pena di un anno e dieci mesi di reclusione e 1.800 euro di multa.