Conselice, Girbecco è la mascotte ideata per il Giro d’Italia

497

Sarà il Girbecco, la mascotte del centenario del Giro nata da un’idea della giovane conselicese Denise Rocchi, a salutare la 12° tappa del Giro d’Italia in piazza Foresti a Conselice il prossimo 21 maggio. A realizzarne una copia alta quasi due metri da posizionare in piazza, al passaggio della carovana del Giro, sarà una consistente pattuglia di studenti delle scuole conselicesi in collaborazione con il Comitato del Carnevale di San Grugnone.

 

Il mitico peluche del centenario, utilizzato per la prima volta nel 2009 e sostituito solo quest’anno dal nuovo lupetto Wolf, nacque da un concorso promosso dalla Gazzetta dello Sport, nell’ambito della settima edizione del progetto «Biciscuola» e vide la partecipazione di oltre 4200 elaborati delle scuole primarie e secondarie di I° grado di tutta Italia. A prevalere fu il piccolo stambecco avvolto nel tricolore di Denise, che fu premiata a La Fenice di Venezia con un grande Girbecco, che ritorna oggi orgogliosamente a Conselice.

 

Oggi Denise ha 16 anni, frequenta il terzo anno del liceo artistico per Design “G. Ballardini” di Faenza, mentre in paese è ancora particolarmente vivo il ricordo di quei giorni, l’entusiasmo dei suoi compagni e compagne di classe, delle insegnanti e di questo lembo di Romagna dalle grandi passioni ciclistiche.

 

Sullo sfondo il patrocinio dell’Amministrazione comunale e lo sforzo organizzativo della società sportiva Velosport, che – con i suoi settant’anni di attività – è pronta a fare di questo appuntamento con la carovana del Giro un evento unico, promuovendo una gara ciclistica per giovanissimi tesserati dai 7 ai 12 anni e mantenendo i contatti sia con la Federazione ciclistica, sia con la carovana del Giro che approderà a Conselice attorno alle 11.20; la corsa proseguirà per Lavezzola, verso Ferrara, fino a tagliare il nastro della dodicesima tappa a Vicenza. Accanto, i commercianti organizzati con momenti di spettacolo e buona ristorazione fino alla chiusura serale con un “amarcord” dedicato alla mitica bicicletta Graziella protagonista degli anni ’70 e ’80.