Bassa, polizia municipale 2.0

328

Come possiamo migliorare la comunicazione con i cittadini? Quali mezzi possiamo utilizzare? E quali sono le azioni che possiamo avviare nel nostro lavoro che possono restituire un servizio migliore alla comunità? Sono solo alcune delle domande che si è posto un gruppo di agenti volontari della Polizia municipale della Bassa Romagna che ha partecipato a un percorso formativo/progettuale insieme alla Direzione generale e ai Servizi comunicazione, personale e informatica con l’obiettivo di elaborare insieme un piano di azioni concrete per il miglioramento della comunicazione e della relazione con il cittadino.

 

Sono tantissime le proposte emerse dal confronto che, dopo essere state condivise con la giunta dell’Unione, inizieranno a trovare la propria realizzazione nei prossimi mesi.

Intanto agire sul fronte della comunicazione per fare conoscere ai cittadini le numerose attività della Polizia municipale, tramite il restyling e l’aggiornamento del sito web e degli strumenti di comunicazione interna all’ente; la predisposizione di una brochure turistico/informativa a beneficio dei cittadini che faranno richiesta di residenza nei comuni della Bassa Romagna, oltre alla definizione di campagne mirate di sicurezza stradale e promozione del numero verde per le emergenze, 800 072 525, attivo tutti i giorni dalle 7 all’una. È prevista inoltre un’attività di restituzione delle attività degli agenti anche tramite resoconti periodici che saranno messi a disposizione della stampa locale, in ottica non soltanto di una più corretta informazione, ma anche di trasparenza sulle mansioni di competenza del comando.

 

È in corso l’organizzazione del primo Open day della Polizia municipale della Bassa Romagna, che si terrà il prossimo 2 maggio per tutta la giornata in piazza Garibaldi a Lugo e proporrà un programma ricco e articolato per grandi e piccoli. Durante la giornata, infatti, sarà possibile conoscere le attività degli agenti, avere informazioni e vedere da vicino i mezzi e le attrezzature, alcune delle quali si potranno anche “provare”. Sarà possibile assistere a dimostrazioni su strada e simulazioni di interventi in emergenza, nonché testare la propria abilità alla guida e le proprie conoscenze in materia di sicurezza stradale. Non mancheranno le attività per i più piccoli e il tutto sarà accompagnato dalla presentaione e dall’animazione di molteplici realtà associative del territorio che hanno deciso di aderire e collaborare alla realizzazione della giornata. Presto sarà disponibile il programma definitivo della giornata.

 

Molteplici attività del progetto riguardano poi il potenziamento dell’educazione stradale rivolta ai bambini e l’avvio sperimentale di corsi dedicati ad altri target di popolazione, come gli stranieri e gli anziani, coinvolgendo anche le associazioni di volontariato e gli assistenti civici del territorio. Sono state poi individuate azioni organizzative e di miglioramento del servizio al cittadino che saranno messe in pratica sia nel breve che nel lungo periodo e che consentiranno di migliorare continuamente le risposte alle richieste sempre più diversificate che provengono dai singoli cittadini così come da numerosi gruppi sociali.

 

“Il filo conduttore di tutte queste attività è l’aggiornamento tecnologico sia di mezzi, sia delle modalità di comunicazione – ha sottolineato il sindaco referente per la Sicurezza Daniele Bassi -, per delineare una nuova figura dell’agente di polizia municipale, aderente alle esigenze della società e 2.0, ovvero flessibile e adattabile a un mondo in continua evoluzione, dove i contesti cambiano velocemente, ma non l’ottica di servizio e di pubblica utilità della Polizia municipale. Da sottolineare che una delle sfide maggiori del progetto è stata quella di individuare azioni da realizzarsi a costo zero o quasi, e così in effetti si stanno realizzando le prime attività: grazie all’impegno degli agenti e del personale dei servizi coinvolti, all’utilizzo delle professionalità e delle competenze presenti all’interno delle strutture e alla collaborazione di enti e associazioni del territorio della Bassa Romagna”.